Venerdì, Dicembre 15, 2017
   
Text Size

Articoli

Accademia, firmato l'accordo Difesa-Unimore nel settore energetico

13 settembre 2017. Nella sala dello Stringa dell’Accademia militare di Modena è stato sottoscritto ieri l’accordo quadro di collaborazione tra il ministero della Difesa e l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, riguardante la definizione e l’attuazione di programmi, progetti, piani di ricerca e formazione nel settore energetico.

Erano presenti il sottosegretario alla Difesa, Gioacchino Alfano, il rettore dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia (Unimore) Angelo O. Andrisano ed il professor Alessandro Capra, direttore del Dief (Dipartimento di ingegneria "Enzo Ferrari") di Unimore . Sono intervenuti anche il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e il prefetto Maria Patrizia Paba. Nella stessa occasione è stata sottoscritta la convenzione operativa siglata con Unimore dal generale ispettore Francesco Noto, direttore della task force energia.

Ha introdotto l'evento il comandante dell'Accademia militare, generale di brigata Stefano Mannino, che ha detto di essere "personalmente onorato dell'accordo quadro tra il ministero della Difesa e Unimore. L'Accademia ha lo sguardo al futuro per essere aderente alla realtà della nazione".

Il prefetto Paba ha evidenziato la leale collaborazione tra le istituzioni locali, quella coesione istituzionale premessa della coesione sociale che a Modena è presente.

"Le politiche energetiche sono una priorità – ha detto il sindaco Muzzarelli – occorre un forte gioco di squadra per tenere insieme la città".

Consegnare al paese uno strumento militare sempre piu sostenibile, moderno, sicuro, ha spiegato il generale Noto, con un nuovo concetto di Difesa. Sicurezza energetica come capacità di leggere le nuove minacce con il concetto di resilienza. "Oggi per efficientarsi è necessario interconnettersi e difendersi dagli attacchi. Sfruttare il risparmio in risorse energetiche per reinvestirlo in sicurezza". Il concetto di "resilienza energetica" come elemento fondamentale dell'accordo.

"Da anni il dipartimento ingegneria collabora con l'Accademia per creare un percorso comune – ha detto il professor Capra – con un rapporto di soddisfazione reciproca. Ringrazio il professor Paolo Tartarini, responsabile scientifico, che ha lavorato per raggiungere l'accordo".

Il rettore Angrisano ha evidenziato che l'accordo è inserito nella terza missione accademica di Unimore - accordi con l'esterno - che alimenta anche una opportunità di formazione, preparando i tecnici in maniera operativa, concreta, su tematiche avanzate per elevare il livello della preparazione scientifica, con riflessi sulla docenza e sulla ricerca.

"In questa legislatura abbiamo raggiunto il coordinamento delle quattro Forze armate – ha concluso il sottosegretario Alfano – per una rivoluzione nell'efficientamento energetico e nella valorizzazione degli immobili. Una struttura unica, una operazione corale. Per l'efficientamento energetico la sede militare è una opportunità maggiore. Il comprensorio di Persano (Salerno) è il più importante impianto di efficientamento energetico".

L’accordo e la convenzione operativa tra Unimore e il ministero della Difesa permetteranno di attuare diversi progetti di ricerca e trasferimento tecnologico nell’ambito del settore energetico e dello sviluppo sostenibile e costituiscono un importante riconoscimento delle competenze dell’ateneo modenese in un ambito particolarmente strategico.

La firma della convenzione, tra l’altro, renderà possibile una serie di attività di analisi e studio per la riqualificazione energetica del Palazzo Ducale di Modena e darà continuità alla collaborazione ormai decennale tra Unimore e l’Accademia militare. Da un punto di vista formativo la collaborazione con il ministero della Difesa permetterà inoltre di formare la futura classe dirigente statale nel settore energetico.

Carmelo Abisso



Tempo

Weather data OK.
Modena
6 °C
Weather details

Visitatori Online

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online